Archivi tag: serie tv

La diversità in tv è un problema costante, ma va sempre meglio

Come dice il titolo quando si parla di una corretta rappresentazione delle minoranze (e non) in TV ci sono stati sempre problemi, per esempio 10 anni fa (nel 2005) si contavano 14 personaggi (protagonisti e non) LGBTQ tra tutte le serie tv in onda (110 in quella stagione). Oggi, fortunatamente, la situazione è più rosea (e glitterata).

E’ uscito l’ultimo report della GLAAD (Gay and Lesbian Alliance Against Defamation), un’organizzazione no-profit che si occupa di promuovere una corretta rappresentazione delle minoranze LGBTQ allo scopo di eliminare la discriminazione, che ha analizzato tutte le serie tv americane in cerca di situazioni da migliorare nel piccolo schermo. television-diversity-emmy-nominations.jpg

Riporto per i più indaffarati i dati più importanti che sono risultati da questa ricerca e vi rimando al file completo se siete più curiosi (CLICCATE QUI). Naturalmente sono tutti dati presi da questo report e riferiti al mondo televisivo americano. Ovviamente non parliamo della televisione italiana che anche quando ha occasione di rivelarsi utile fallisce volontariamente (vedete il caso Clemente Russo/Bosco al GF VIP, per esempio) o per eccesso di pudore (Le Regole Del Delitto Perfetto su Rai Due).

Degli 895 personaggi regular nei programmi scripted (serie tv) delle reti generaliste (CBS, Fox, ABC, The CW, NBC) sono 43 quelli che fanno parte della comunità LGBTQ (un record) e si nota anche un +28 di personaggi ricorrenti; mentre nelle serie tv delle reti via cavo e a pagamento i protagonisti LGBTQ sono aumentati da 84 a 92, mentre i ricorrenti sono passati da 58 a 50.

Se si guardano invece le piattaforme streaming (Amazon, Hulu e Netflix) si contano 65 personaggi LGBTQ, tra regular e recurring, anch’essi in aumento. I personaggi transgender sono aumentati molto (da 7 a 16) su ogni piattaforma presa in analisi.

Mentre la rappresentanza di donne omosessuali è diminuita molto, sia sulle reti generaliste che non. Aumentata del 10% dall’anno scorso è invece la rappresentazione bisessuale, anche se si nota una più forte rappresentazione della donna bisessuale rispetto all’uomo, ancora molto forti sono gli stereotipi nella loro rappresentazione.

sense8-characters_slider_001

Un problema che resta è la diversità multirazziale della comunità LGBTQ che resta al 71% bianca, nonostante la presenza, soprattutto afroamericana, in termini generali sia aumentata dallo scorso anno. Di fatto, il 20% dei personaggi regular è di colore; rimane problematica la controparte femminile (solo il 38% dei personaggi di colore in tv è donna).

Si nota anche un aumento della presenza di personaggi con disabilità (visibile o non) in tv. Da 0.9% a 1.7%. 

Infine, quest’anno si rivela che il 44% dei regular in tv (generalista) è donna e questo mostra un aumento di un punto percentuale dallo scorso anno. In un paese in cui le donne rappresentano il 51% della popolazione si può anche fare meglio.

A partire dal 2016 ben 25 personaggi queer femminili sono morti in tv, e si fa notare che lo scopo di queste morti servisse solo per mandare avanti gli archi narrativi dei protagonisti (spesso etero), e denunciano come questo possa diffondere un messaggio pericoloso riguardo al valore degli stessi personaggi LGBTQ.

ClarkeLexaRememberMe209.jpg

A questo proposito, volevo aggiungere un mio personale pensiero: io credo che il problema stia nel non avere abbastanza personaggi LGBTQ tra le linee dei protagonisti. Nella logica del telefilm il personaggio secondario è in funzione del protagonista, dunque, una sua eventuale morte non ha a che fare con l’orientamento dello stesso ma più con la sua natura di personaggio satellite. Parlo per esempio di Lexa (che mi avete fatto odiare) in The 100: la sua morte è stata un colpo al cuore per tutti, lo riconosco, ma non potete denunciare un accanimento contro la comunità LGBTQ perché il suo personaggio (secondario) in una serie sulla sopravvivenza e la guerra come è The 100 era destinato ad un’uscita di scena così brutta (dato che sul campo lei pareva non avere avversari validi l’unica possibile via era l’incidente, parere mio). A me sembra che proprio The 100 abbia sempre trattato alla pari i suoi personaggi uccidendo anche personaggi molto vicini alla protagonista (dal migliore amico, alla prima infatuazione, all’interesse amoroso ecc.). Quindi, in poche parole, la morte di un personaggio LGBTQ secondario non è il problema, il problema è avere solo personaggi LGBTQ secondari.

Spero di non avervi annoiato troppo, vi saluto, e vi chiedo di commentare e condividere l’articolo per poter far nascere discussioni, perché è solo col confronto che si cresce (ma niente sport agonistico che mi sale l’ansia).

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

quando i supereroi sono molto meh

Sono finalmente finite le vacanza estive (…) e quindi torno a scrivere. Perché tornare ora? Perché sto guardando l’ennesimo episodio di Arrow a velocità raddoppiata ma è comunque lento e ho bisogno di occupare il tempo.

Colgo, quindi, l’occasione per aggiornarvi sulle serie tv alle quali dovrebbero staccare la spina.

Arrow ha un sacco di problemi, per esempio i personaggi, la trama che ogni anno si ripete, i personaggi e, infine, la trama. Ma sapete la cosa peggiore? Quest’anno poteva ricominciare da zero, [SPOILER] nuovo team giovane, vecchio team finalmente fuori dalla scena, Oliver/Felicity finalmente accantonati (per sempre? Ovviamente no, ma almeno per qualche episodio). Invece non ci hanno nemmeno provato, addestramento durato 4 minuti, hanno già tutti un costume e un nome (già mi perdevo a Spartan io, figuriamoci ora), Diggle già è tornato dopo il ponte, non mi soffermo nemmeno sull’impiego di Speedy e Lance, eccetera eccetera eccetera.

+++ minuto 23: QUALCOSA DI ECLATANTE  +++

ah no. Solito scherzetto da Arrow. Ma ora pensiamo al prossimo, shall we? Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , ,

serie tv che dovreste vedere, sul serio.

Ci sono alcune serie tv di cui pochi parlano ma che meritano attenzione, perché sono originali, perché mantengono alta l’attenzione, perché non perdono smalto. Ecco le prime due che vi faccio conoscere oggi:

tumblr_nwie4hPhLW1ql20kxo3_400

crazy ex-girlfriend

Crazy Ex-Girlfriend è l’ultimo esperimento riuscito della The CW. Dopo averci regalato l’anno scorso The Flash, Jane The Virgin e iZombie quest’anno ha piazzato un altro successo (almeno di critica). Perché lo consiglio? Per la sua originalità. La sua freschezza.
Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , ,

Rinnovi, Cancellazioni e… (Seconda Parte)

Se volete imparare da soli a leggere gli ascolti televisivi vi invito a dare un’occhiata alla (lunga ma) semplice scaletta che trovate qua <-

Se vi siete persi la prima parte cliccate QUA, mentre continuate a leggere se volete sapere come se la passano le serie tv delle reti minori e via cavo!

cableheader-graypurple

FREEFORM (la ex ABC FAMILY)
 Chasing Life: CANCELLATO
 The Fosters: RINNOVATO
 Melissa & Joey: CANCELLATO (finisce in agosto)
 Pretty Little Liars:  RINNOVATO
 Recovery Road: troppo presto per dirlo
 Shadowhunterstroppo presto per dirlo (ci si aspettava di meglio in termini di ascolti)RINNOVATO
 Stitchers:  RINNOVATO
 Switched at Birth:  RINNOVATO (si concluderà con la quinta stagione)
 Twisted: CANCELLATO
 Young & Hungry: RINNOVATO

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Nuovi Arrivi: The Shannara Chronicles e Shadowhunters

Due nuove serie tv sono approdate sul piccolo schermo, due che stavamo aspettando come si aspetta l’estate quando arriva il nuovo anno, oppure come si aspetta una laurea? Insomma fate voi!

Cominciamo da quella che ci ha colpito di più, ovvero The Shannara Chronicles. La storia è tratta dall’omonimo romanzo che racconta di un Mondo futuristico in cui il genere umano è quasi estinto e le creature mitologiche hanno conquistato la terra, ma qualcosa minaccia questo Mondo, qualcosa che potrebbe portare alla sua distruzione e toccherà alla Principessa Elfica insieme ad un mezzo elfo e ad un’umana cercare di riportare la pace.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Diario TV

diariotv

Pretty Little Liars 6×01

Finalmente un episodio in cui le aspettative hanno trovato corrispondenza con la realtà. Ero pronto al ritorno delle mie bugiarde e non ho resistito fino alla sera per vedere l’episodio. Momenti di alta poesia e feticismo nei primi minuti, dove ritroviamo le Liars a fantasticare su cubetti di ghiaccio fatti di pipì e sospensori sudati. (Questa la mia cara Emilia me la dovrà spiegare prima o poi).

Le ragazze sono ancora intrappolate nella DollHouse (ancora mi sforzo di trovare le coordinate bancarie del signor Charles) e sono state torturate ed esposte ad Emily per troppo tempo, perfino Mona ha cominciato a dare i numeri.

tumblr_npe7z2msMN1uvo9abo5_250 Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Gotham: Recensione

E’ arrivato il momento degli arrivederci per molte serie tv, questa settimana partiamo da una che ha davvero lasciato il segno.

E’ una delle serie tv che ha avuto l’approvazione degli appassionati della DCcomics e non solo. Ha avuto una trama spumeggiante, con descrizione di storie e personaggi che faranno la storia di questa città. Inizio con il dire che alla sua partenza sembrava che qualcosa filasse troppo lentamente, la trama forse stentava a svilupparsi, con la pausa però qualcosa è cambiato. Una cosa che mi è piaciuta particolarmente è stato vedere come i cattivi, abbiano pian piano “perso le staffe” rivelandosi poi per i veri cattivi che tutti si aspettavano. Mi è piaciuta molto la storia dedicata a Fish Mooney e al suo cambiamento radicale, a come in ogni situazione cada in piedi o se cade quanto meno si rialza immediatamente, credo che la vera fine del personaggio la vedremo ancora più in là. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: