One Direction “Four”: Recensione

Questi cinque ragazzi sanno il fatto loro, sono partiti singolarmente per i provini di XFactor UK e sono finiti per formare un gruppo. Si sono classificati terzi, ma questo per loro è stato solo un trampolino di lancio, chi avrebbe mai pensato però che avrebbero dominato le classifiche mondiali per quattro anni piazzandosi sempre primi?

E’ uscito questo Novembre il loro quarto album che prende il nome di FOUR, che segue la scia del movimentatissimo Midnight Memories.

Questo album ha delle sonorità molto diverse dai precedenti, si passa da una movimentatissima Steal My Girl, tra l’altro primo singolo estratto dall’album, alla bellissima Night Changes.

Personalmente ero molto titubante su questo album, ho aspettato qualche tempo,  poi la band ha deciso di rilasciare una canzone in free download e l’ho scaricata per ascoltarla. Fireproof, mi ha dato qualche speranza. Premetto che all’ascolto di Midnight Memories, non ero molto convinta, ho trovato ancora qualcosa di vecchio, canzonette, insomma qualcosa diretto ad un pubblico ancora troppo adolescenziale. Questi cinque ragazzi hanno talento, non possiamo negarlo, hanno ognuno un timbro di voce diverso, particolare, per me potrebbero anche attirare un pubblico molto più adulto.

Probabilmente questo è il pensiero di molte fan che hanno aspettato FOUR per poter dare un giudizio finale. Così all’uscita dell’album mi sono presa un pomeriggio per ascoltarlo. Il sound è cambiato, hanno dato spazio a sonorità tranquille, leggere e delicate, fanno da esempio: Night Changes, Spaces, Fireproof, Clouds, Fool’s Good, Ready To Run e la bonus track Once In a Lifetime.  Ma c’è spazio anche per qualcosa di movimentato, che rientra pienamente nel loro stile come: Steal My Girl, No Control, Girl Almighty. A questo album ha aggiunto il suo tocco anche Ed Sheeran, molto amico della band, che ha regalato la sua 18. Un brano bellissimo, in pieno stile Sheeran che si incastra benissimo con le altre canzoni scritte dai ragazzi, tra l’altro è la mia preferita dell’album. Ci sono anche dei sound che ricordano un po’ gli anni passati, un esempio è Stockholm Syndrome, anche questo è uno dei brani preferiti dalle ascoltatrici. La canzone che ha però colpito tutti per il suo sound un po’ natalizio, un po’ irlandese è sicuramente Act My Age. Ammetto che mette un’allegria paurosa e ti vien voglia di ballare, un gran bel pezzo insomma.

Ad un primo ascolto posso affermare che la canzone che mi ha colpito di più è sicuramente Spaces, mentre  un possibile terzo singolo potrebbe essere Ready to Run.

C’è una canzone però che in questi giorni, con un chiassoso chiacchiericcio, ha scalato le classifiche. Sto parlando di Where Do Broken Hearts Go, il perché è molto semplice. Chi avrà potuto vedere la finale di XFactor UK quest’anno ha visto che i ragazzi sono stati ospiti speciali e che hanno presentato questo nuovo brano duettando con una leggenda del rock, ovvero Ronnie Wood, storico chitarrista dei Rolling Stone. L’esibizione è stata molto bella e anche molto coinvolgente. Lo stesso Ronnie è rimasto soddisfatto di questa esibizione. Gli One Direction hanno anche partecipato al progetto Band Aid30 con la rivisitazione della canzone di Natale, Do They Know Christmas,  dove collaborano con nomi illustri del panorama musicale inglese. Sono una band di successo con talento,  si sono fatti strada partendo da un talent, scrivendosi i brani di proprio pungo. E’ davvero un peccato che in questo album non siano comparse tutte le canzoni scritte in collaborazione con illustri nomi del panorama musicale mondiale (Fall Out Boy, I gemelli Madden, Emily Sandè ecc.), anche se nell’album appare solo la collaborazione con il cantante dei 1975, forse quel tocco avrebbe reso ancora più credibile l’album che di per sé è già un gran bel lavoro. Quindi in conclusione possiamo anche smettere di associare questa band alle ragazzine e iniziare a dargli la credibilità che si meritano perché FOUR probabilmente è il passaggio che tutti si aspettavano.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

2 thoughts on “One Direction “Four”: Recensione

  1. […] cosa pensiamo dell’ultimissimo album di Fedez cliccate QUI, per Four degli One Direction QUI e per 1989 di Miss Taylor Swift QUA […]

    Mi piace

  2. […] Recensione “Four” – One Direction […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: