The Untitled Writing Project

Oggi vi parliamo di una storia da favola, sarà perché il fandom è proprio quello della serie tv più amata dai telespettatori?

the untitled writing project

L’autrice che vi presentiamo oggi  è Stefania che ci propone una storia su Once Upon a Time. La nostra intervista inizia con la domanda classica su quali serie tv segue “ Al momento seguo Once Upon a Time, Il Trono di Spade, Grey’s Anatomy, Faking it e Pretty Little Liars.“La domanda personale che faccio sempre è quella su come abbia iniziato a scrivere e cosa l’abbia ispirata “Dunque, diciamo che scrivo da quando avevo più o meno 12 o 13 anni. Ad ispirarmi sono spesso o i miei autori preferiti oppure può essere una semplice frase casuale letta da qualche parte o pronunciata da qualcuno che fa scattare qualcosa nella mia testa, portando ad una successione di idee inizialmente molto disordinate. A volte basta persino un’unica parola. Nel caso del mio primissimo componimento, è accaduto proprio così.” La domanda spontanea che è venuta fuori è come mai abbia deciso di scrivere su una serie tv così particolare, ricca di personaggi trame ed intrecci “Amo in modo particolare questa serie tv. E’ la mia preferita, fra quelle che seguo attualmente. Penso sia davvero ben fatta, l’idea di incentrare un telefilm sulle fiabe/favole e intrecciare tutte queste storie fra loro mi è sembrata fin da subito molto affascinante ed originale. Inoltre, mi sono letteralmente innamorata di due personaggi, ovvero Emma e Regina (Emma Swan, in primis). Le loro scene, che io trovo quasi sempre intense e significative, mi hanno dato la spinta per scrivere qualcosa su questa serie. Le ho sempre shippate, sebbene non siano una coppia canon. Già da un po’ mi frullava in testa l’idea di ambientare una storia a NY, magari in un contesto scolastico… Quando ho cominciato a vedere OUAT ho subito pensato che Emma e Regina, nonché altri personaggi della medesima serie, fossero adatti per questo genere di fan fiction.” L’ultima domanda è la più precisa, forse quella che aiuta di più un autore a comprendere come procede e come scrive, le ho infatti chiesto se usasse qualche canzone come ispirazione “La musica è una costante nella mia vita, anche quando scrivo. Non posso proprio mettermi a scrivere qualcosa senza la musica! Quindi direi proprio di sì, ci sono state non una, ma tante canzoni che mi hanno aiutato nella stesura. Canzoni dei Within Temptation, ad esempio (soprattutto una, “Fire and Ice”, che fa da colonna sonora anche ad alcuni video dedicati al pairing Emma/Regina), dei Nightwish, dei Two Steps From Hell (un duo americano che produce canzoni per film e serie televisive) e molti altri.”

 Qua sotto vi lasciamo uno stralcio della sua storia

“- Svegliati!

Graham borbottò ed emerse lentamente da sotto le lenzuola. Con la mente ancora annebbiata dal sonno, sbirciò la sveglia sul comodino accanto al letto. Erano le 7.30.

La voce che l’aveva richiamato alla realtà era autoritaria e poco propensa ad ascoltare repliche.

Batté le palpebre. In un attimo, ricordò che quello era il primo giorno del nuovo anno accademico. La Storybrooke University si preparava ad accogliere nuovi studenti, molti dei quali avrebbero abbandonato gli studi a metà anno. Succedeva spesso. Alcuni di loro sarebbero finiti nei guai e sarebbero toccato a lui rimetterli in riga.

Tutto ciò significava che Regina doveva tenere il discorso di apertura. E Regina non sembrava affatto di buon umore.

– Hai intenzione di rimanere in quel letto ancora per molto?

Sì, decisamente un pessimo inizio.

Graham si alzò. I suoi vestiti erano un po’ qui e un po’ là, come capitava ogni volta che passava la notte con Regina. I jeans erano ai piedi del letto. La camicia in salone. La giacca… Beh, la giacca non c’era. Chissà dove mai l’aveva messa quando se l’era tolta. O meglio, quando Regina gliel’aveva tolta.

– Ti dispiace se mi faccio una doccia? – domandò, passandosi una mano nei capelli castani.

Non ottenne risposta. Anzi, la porta della camera accanto sbatté con una certa violenza. La sentì mentre apriva e chiudeva i cassetti, udì il rumore dei tacchi sul linoleum e la sua voce mentre parlava al telefono. Un po’ alterata.

Graham vide la sua giacca, sul bracciolo della poltrona.  

Regina Mills era già pronta. Ovviamente. Pronta, elegante ed impeccabile. In nero. La camicia era blu, ma il resto era nero. Gli occhi scuri di lei lo fissarono per qualche istante.

– Me ne vado – disse Graham.

Si fermò un attimo in salone. La vetrata, che occupava un’intera parete, gli mostrò New York scintillante, come ogni mattina. Dal suo appartamento nel Greenwich Village non la poteva vedere così bene. L’attico di Regina, invece, offriva una vista meravigliosa.

Sorrise.

– Stai ammirando il panorama?

Graham si chiedeva per quale motivo si lasciasse ancora abbindolare da quella donna, per poi essere trattato così. Era un mistero. Ed era preoccupante. Certo, Regina era bellissima, ma era intrattabile, certi giorni molto più di altri. Anche se non capiva perché. E non osava nemmeno chiederlo; era sicuro che sarebbe stata la domanda sbagliata.

Si diresse verso la porta, gettandosi la giacca su una spalla.

– A più tardi – gli disse Regina.

– Sì. E ricordati che oggi arriva la mia nuova…

Lei gli chiuse la porta in faccia.

– …la mia nuova collega – concluse, a bassa voce.

Graham Humbert, il responsabile della sicurezza alla Storybrooke University, nel Morningside Heights, rimase là, a fissare l’ingresso del lussuoso attico di Regina Mills, la rettrice, quello stesso attico in cui, ogni tanto, trascorreva la notte. Giusto ogni tanto, sì.

Si grattò la barba, poi scosse la testa.

– Buona giornata anche a te, Regina.”

Se invece volete continuare a leggere la storia, vi lasciamo qua sotto il link della sua storia http://www.efpfanfic.net/viewstory.php?sid=1619803&i=1

Vi ricordiamo sempre che se volete lasciare un commento alle autrici saranno veramente liete di rispondervi.

Annunci
Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: