Scrubs, i’m no superman

Oggi avevo intenzione di parlare di Scrubs. Ma poi mi sono chiesto… Come si fa a parlare di Scrubs? Cosa potrei dire di questo telefilm?

scrubs

“Forse potrei raccogliere i momenti più divertenti” mi dicevo, però poi mi sono reso conto che il post diventerebbe lunghissimo e sopratutto sarebbe interminabile.

Oppure potrei spiegare che cos’è Scrubs.
Scrubs è a metà tra una sitcom e un medical drama. Il motivo del successo di Scrubs è il fatto che sappia mescolare in maniera perfetta situazioni comiche con momenti drammatici. E non è un lavoro facile da fare.
scrubs+ost+scrubs
Partendo dal presupposto che non considero parte fondamentale di questo telefilm la nona stagione (med scholl – lo spin off) ma soltanto le otto stagioni del creatore Bill Lawrence, volevo analizzare a fondo il motivo per cui Scrubs susciti, ancora oggi dopo la sua chiusura, tanto interesse.
1) nessuno del cast originale abbandona mai la serie. NESSUNO. Il che è strano per un telefilm! La cosa bella è che durante gli anni nessun personaggio viene mai confinato ai margini della sitcom. Anzi tutti assumono un ruolo sempre più importante. Anche quando sembra che Kelso da per sempre il suo addio all’ospedale, poi ce lo ritroviamo sempre la.
Lo stesso vale per Laverne (l’infermiera amica di Carla) che muore durante una stagione. Dopo qualche puntata ad occupare il suo posto di lavoro c’è una donna di colore proprio uguale a lei (infatti l’attrice non se n’è mai andata dalla serie tv).
2) Crea dipendenza. È innegabile. Ho visto mio padre, per la prima volta, diventare dipendente da una serie TV. Organizzava apposta il suo orario di lavoro così che potesse venire a casa mangiare e nel frattempo guardare Scrubs.
3) fa ridere, a crepapelle! Credo che sia una delle sitcom più riuscite di sempre. Le risate sono garantite. Battute in grande quantità e qualità. La cosa particolare è che tutti i personaggi hanno certe caratteristiche comportamentali fisse ma ciò non li rende mai monotoni o ripetitivi.
4) fa emozionare. Ho visto mio padre commuoversi davanti ad Mtv quando c’era Scrubs. E mi sono commosso anche io! Lui lo definisce un telefilm “intelligente”. Un giorno incuriosito gli chiesi il perché e lui mi disse “ogni puntata ti lascia dentro qualcosa. Non ha importanza quanto ti abbia fatto ridere o piangere una cosa, l’importante è che ti rimanga il segno. Scrubs lascia il segno.”
5) lo studio approfondito dei personaggi. Inutile dirlo, per la buona riuscita di un telefilm ci vuole anche un buono studio dei protagonisti. E di fatto è quello che c’è stato in Scrubs. Abbiamo visto il cattivissimo Cox con la sua perfida ex moglie diventare genitori per ben due vote. Abbiamo visto J.D, da ragazzo insicuro e “stupidotto”, maturare e imparare a gestire una relazione(con Elliot), un divorzio (con Kim) e un figlio. Abbiamo visto Elliot, da timida e impacciata, diventare un medico con gli attributi. Abbiamo visto l’inserviente sposarsi e abbiamo visto Turk e Carla innamorarsi e affrontare insieme le sfide del loro matrimonio. Abbiamo visto Kelso, da cinico quale era, ammorbidirsi e diventare un amico per i colleghi.
Penso che Scrubs mi abbia fatto crescere. Credo che mi abbia fatto capire che nella vita bisogna saper ridere ma anche saper piangere.
E ancora oggi scappa la lacrima quando rivedo J.D percorre per l’ultima volta il corridoio dell’ospedale Sacro Cuore e salutare per sempre tutti i suoi colleghi e anche… Noi!
  DSC00852

PS: Ragazzi da adesso potete seguirci sia su Facebook alla pagina Recensioni Casuali: https://www.facebook.com/pages/Recensioni-Casuali/410598179065731 sia su Twitter seguendo l’account @RecCasuali.

Quindi cosa aspettate? Mi piace e followers come se piovesse va bene?

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

4 thoughts on “Scrubs, i’m no superman

  1. cleocri ha detto:

    11. Non ho mai seguito scrubs, ma ho sempre voluto iniziarlo. Consigli? 🙂

    Mi piace

  2. […] Bill Lawrence sappia fare il suo mestiere si sa. Infatti il creatore del famosissimo Scrubs e del celebre Cougar Town è tornato alla grande con una nuova Sit-com: Ground […]

    Mi piace

  3. […] dal presupposto che J.D (John Dorian) è il protagonista di Scrubs (stagione 1-8. la nona non la conto in quanto è una specie di spin off). Fin dalle prime scene […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: